Abbiamo bisogno di storie belle

Forse non doveva andare così.

La società in mezzo cui viviamo non è quella che ci saremmo aspettati.

Ci saremmo meritati, ci sarebbe piaciuto qualcosa di un pochino di più umano.

E anche di più etico.

Invece con dolore e con timore stiamo assistendo al fatto che con tanto benessere sia arrivata anche tanta sofferenza.

Nostra e degli altri.

Laurie Anderson, è una performance artist e musicista statunitense o, per sua stessa definizione, "una narratrice di storie".

Laurie ha scritto che la tecnologia è il fuoco attorno al quale raccontiamo le nostre storie.

In momenti difficili come questi serve l’impegno di tutti per far conoscere e divulgare storie basate su informazioni e fatti reali raccontate dai chi, si prende cura della nostra salute, e lo fa di mestiere.

Abbiamo bisogno di storie belle

Abbiamo bisogno di storie buone.

Abbiamo bisogno di storie efficaci che ci orientino alla fiducia e alla speranza.

Abbiamo bisogno di storie vere che ci raccontano che c’è una soluzione.

Abbiamo bisogno di storie che ci uniscano.

Abbiamo bisogno di questo genere di storie

Non abbiamo bisogno di storie che ci intimoriscono, che ci dividono per regioni, che ci colorano per zone e ci classificano etichettandoci strumentalmente a seconda, come  unti, bisunti o untori.

La ricerca e l’individuazione del colpevole, del complotto, lo scarica barile,  magari possono essere giochi divertenti in certi momenti.

Ma non in questi.

In questi no.

In momenti come questi non fanno altro che amplificare il problema e disorientarci. 

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole - postando dalla "zona gialla"


Abbiamo bisogno di storie bellejpg