Appesantiti

Brutti tempi!

Tempi da lupi!

C'è in giro una situazione e una saturazione che non diverte anche se il più grosso errore in questi momenti sarebbe quello di piangersi addosso.

Bisogna togliere, tirare via, anche le parole.

Bisogna togliere per sentirsi più leggeri.

Quando si è leggeri, non ci si prende troppo sul serio e, ogni minima soddisfazione ci tiene allegri, ci fa volare.

Leggerezza nei comportamenti non vuol dire essere poco seri o superficiali, essere leggeri non significa necessariamente essere sciocchi, perché se leggerezza è voglia di vivere, voglia di ridere, leggerezza è essere capaci di agire, di osare facendo buon viso anche alla cattiva sorte senza farne una tragedia anche davanti agli imprevisti e ai problemi della vita.

Bisogna togliere per sentirsi più leggeri.

Leggeri verso gli altri essendo più tolleranti e generosi, dialogare donandoci un po’ di più senza aspettarci gratitudine e riconoscenza.

Leggeri verso noi stessi, nelle nostre esigenze personali, nelle nostre vanità, nel nostro orgoglio, nelle nostre pretese e attese, perché leggerezza è anche disincanto.

Leggeri in amore evitando gelosie e smanie di possesso perché l’amore è silenzio e il silenzio è leggero.

Sarebbe bello se nelle scuole fossero ripristinate le ore di educazione civica come quando andavamo a scuola noi da bambini e, se nelle ore di educazione civica ci fosse spazio per insegnare la leggerezza; insegnare a un bambino fin da piccolo a essere leggero, vuol dire evitare di ritrovarci in futuro un adulto pesante.

Bisogna togliere per sentirsi più leggeri.

Se per riemergere bisogna andare in profondità, solo più leggeri si può tornare in superficie.

 

Bisogna togliere per tornare ad apprezzare un po’ di più.

Bisogna togliere per sentirsi e tornare ad essere  così un po’ più felici.

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole 


appesantitijpg