Come se ci avessero riparato la TV

Un televisore a colori luminosi e brillanti e un suono perfetto.

Necessitava di riavere energia per essere acceso, diversamente non poteva più funzionare quello schermo nero e spento.

Ci svegliavamo, ci alzavamo e ciondolavamo assonnati senza riuscire a far funzionare cose che prima invece funzionavano.

Una volta che eliminavamo tutta la confusione che ci proponevano, ci riaccendevamo e le idee ricominciavano a fluirci nella testa.

La differenza tra coloro che ancora non riescono e quelli che hanno riacceso progetti e sogni sta nel essere capaci di tornare a mettersi in uno stato d'animo positivo in modo di avere costantemente tutta quella forza interiore necessaria che ci vuole, seppure dopo aver passato certi momenti.

In una situazione di confusione e di paura, negativa, noiosa e pigra di buone cose produttive, forse avevamo bisogno di staccare davvero la spina.

Come un televisore che sta tornando a funzionare, adesso è il momento di inserirla per accenderci, per poi poter cambiare canale sintonizzandoci su quello che vogliamo scrollandoci di dosso ansie e le paure.

La cosa più bella, quella che più conta, seppure “mascherati” è non aver paura di tornare a guardare in faccia i propri sogni tirandoli fuori dai cassetti.

Questi momenti di cambiamenti, sono ideali per cambiare canale, perché ci sono tanti modi per sintonizzarsi e guardare qualsiasi cosa nella vita, in grigio, in bianco e nero, o a colori.

Decisamente meglio una vita a colori, tirando fuori il meglio da sé stessi prima di tutto, e poi anche dagli altri. 

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole - mercoledì 20 maggio, a poco a poco si torna almeno ad una "quasi normalità"