I Maya, dopo quasi sette anni non ancora pervenuti

Magari c’è chi si ricorda ancora; sette anni fa di questi tempi, i soliti filosofi studiosi predicatori del cazzo ci avevano avvertito che, secondo complessi calcoli matematici e astronomici, si avvicinava la fine di un periodo composto da 13 Baktun, ciascuno dei quali di circa 400 anni” e in un giorno di dicembre, il ventuno, sarebbe successo qualcosa di unico e straordinario: la fine del mondo secondo la profezia: il ritorno dei Maya.

Sì, ma non al cinema.

Al ventidue di dicembre, stanchi di aspettare, li abbiamo insaccati di nomi, loro però, i Maya, non i filosofi studiosi predicatori.

Gli abbiamo dato degli stronzi e perché, solo perché ci hanno dato buca?

D’accordo che siamo rimasti tutto il giorno e tutta la notte ad aspettarli e loro niente!

Certo potevano mandarci una mail, spedire un fax, dare uno squillo, inviare un sms, almeno un messaggio su Facebook o whatsapparci.

Niente di niente!

C’è stato pure chi, come la Lovisona è andata dalla parrucchiera per farsi trovare in ordine, chi invece è andato a letto presto perché voleva farsi trovare il ventidue bello riposato.

E quelli che l’hanno “presa su” alla “intanto mangiamo e beviamo che se arrivano i Maya”.

Niente di niente!

Stronzi ma perché?

Magari avevano qualche parente che non stava bene, magari avevano capito che li aspettavamo in un altro giorno passate le feste.

Magari chissà, oggi ne abbiamo solo quattordici e siamo in ottobre e può darsi,  anche se devo fare ancora bene i calcoli, che arrivino comunque quest’anno, Dopo quasi sette anni con un pochino in ritardo!

Forse hanno trovato nebbia in Valle Padana, forse hanno trovato neve tra Roncobilaccio e Barberino del Mugello, forse hanno trovato coda al casello dell’uscita di Casei Gerola, forse sono rimasti impantanati nelle risaie vicino a Vercelli, forse hanno deciso di allungare e “venire su” da Pollena Trocchia e si sono persi anche loro, chissà!

Magari niente di tutto questo e hanno semplicemente preferito tirar tardi e sono ancora a tavola dalla Ledi a mangiare la torta fritta con la spalla cotta.

Può anche darsi che abbiano cambiato idea.

E se fosse che sono solo dei timidi?

In quasi sette anni le ipotesi fin d’ora sono state battute solo in parte, comprese quella più semplice che abbiano rotto il loro autobus a due piani e sono finiti annegati in un fosso.

E se fossimo noi che tutti presi dalle nostre cose, dal nostro bisogno di crescere e migliorarci per tornare a livelli accettabili in ogni settore, non ci siamo accorti di essere già all’altro mondo, proiettati in un’altra era, in una dimensione diversa, magari più alta, e siamo ancora qui ad aspettare i Maya?

Basta avere comunque ancora un po’ di pazienza che forse tra qualche mese o qualche anno lo sapremo, anche se molto probabilmente, tutta la faccenda si risolverà come quando ce la menavano con il Millennium Bug: in un falso allarme, una fake news

Quasi sette anni ad aspettare i Maya come a teatro aspettando Godot.

Che non arriva mai, però chissà perché, è sempre nella mente di tutti fino alla fine dello spettacolo.

 

Sabato 22 Dicembre del 2012, aspettavamo i Maya.Siamo solo al 14 di ottobre del 2019., boh magari arrivano quest’anno. 

 Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole