Non è

Non è il tempo, la nebbia, la pioggia.
E’ che ognuno ha qualche crepa nascosta in un angolo in fondo al proprio cuore che non si vede.
E’ che sono certe date, festività e ricorrenze che giocano effetti strani.
Allargano crepe.
Confondono gli orizzonti, le righe già tracciate e i semafori.
Rendono sdrucciolevole le stesse strade che di solito percorriamo.
Scrostano i muri ai quali tutti i giorni ci appoggiamo.
Ci sono giorni in cui è tutto più grigio intorno, e ci sembra perfino che tutto si allarghi di più, che lo scricchiolio si senta i più.
Sembra perfino che il nostro cuore crepato non abbia più voce.
C'è sempre però qualche altro cuore crepato che ci ascolta, ci osserva, ci parla, ci regala un abbraccio, una carezza, un consiglio, una gentilezza, un gesto, un pensiero, un saluto, un sorriso, un bacio.
E’ come se nelle nostre crepe entrasse un raggio di sole.

Cremona, sabato 2 novembre 2019 - Giorno dei Morti

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole

Le prime nebbie fittejpg