Non dar retta agli imbecilli

Nella classifica dell’imbecilità collettiva sulla paura di questi giorni e della isteria nella e della informazione.

A proposito del fatto che c’è chi sostiene che in fondo, diffondere il panico di questi giorni è anche comprensibile e ragionevole.

Chi continua a giustificare ripetendo che comunque bisogna anche capire il momento perché questo virus è grave, è come se giustificasse uno che, siccome è convinto a tutti i costi di dover morire per forza, con l’autocertificazione in mano e con su la mascherina, va davanti a un supermercato e si mette a sparare alla gente in fila.

Se lo fa, lo fa non perché è convinto di dover morire, lo fa perché non è normale, perché è impazzito, perché è un imbecille anche lui.

Il primo decreto che ogni governo dovrebbe fare in caso di epidemia dovrebbe essere:

Se non vuoi impazzire, non ascoltare, non dar retta, non leggere gli imbecilli.

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole    

inot-248832jpg