Ricordando Daniele Redaelli

Ogni giorno, anche l’ultimo dell’anno è sempre un buon giorno per mettere insieme i ricordi di Persone che valga la pena ricordare.
ll 31 dicembre, l’ultimo giorno dello scorso anno ci lasciava Daniele Redaelli.
A Lui piaceva starsene defilato, in disparte come in questa foto tratta dal video di un’ intervista che mi fece per Gazzetta TV. Mi sembrava perfino che invece che con la voce e il microfono mi chiedesse le cose con gli occhi
Amava starsene “In coda al gruppo” come la rubrica che gli aveva affidato La Gazzetta dello Sport.
Umile e generoso, preferiva starsene in un angolino, a sinistra, come in questa foto, per dare meglio luce e risalto agli altri.
[e quello famoso era lui]
Lui, Daniele, era così.
Troppo buono, come quella volta che di me scrisse
“Un approccio atipico misto di pragmatismo e sentimento. Eclettico,mentalità cosmopolita, una figura professionale di assoluta competenza e di uno straordinario spessore umano. Un professionista tra le nuvole con esperienze d’oltre Oceano, che nel mondo del calcio potrebbe ricoprire qualsiasi ruolo,indifferentemente dirigenziale o tecnico. Carlo è, decisamente, un allenatore di calcio diverso da tutti gli altri”
Per scrivere di me quelle cose, ce ne vuole, ci vuole un bel coraggio, e allora mi piace pensare che aveva buttato giù quelle righe la sera tardi, dopo essere stato a cena al Vecchio Porco dove andava di solito, il suo preferito.
Più che un articolo, più di un complimento, ho considerato quelle righe come un’esortazione, uno sprono a continuare le mie (a volte non sempre facili, in un mondo già di per se non facile come quello del calcio) sfide professionali, senza dimenticarmi degli altri, di chi non ha potuto avere la mia stessa fortuna, dei sentimenti,dell' umanità e dell'umiltà, doti e valori in cui Daniele era un vero Maestro.
Daniele, per chi non ha avuto il piacere di conoscerlo di persona, era davvero così, come lo racconta il giornalista sportivo e scrittore Luigi Garlando, suo collega.

Pop web site © Di calcio e d'altre nuvole - 31 dicembre, ricordando Daniele, Daniele Redaelli


daniene n2jpg